Ti trovi in:

Un commento all’Economic bulletin della BCE

Roma, 19 marzo 2015 - Nel box 7 dell’Economic bulletin 02/2015 diffuso oggi è riportata una sintesi della opinione della Commissione Europea  sul Draft Budgetary Plan (DBP) 2015 dell’Italia contenente informazioni imprecise, poi riprodotte da alcuni organi di stampa. Infatti, si dice che “As regards countries under the preventive arm, the 0.2 percentage point improvement in the structural balance that is expected in Italy in 2015 remains below the 0.4% of GDP that was recommended by the Eurogroup and is a reflection of reduced interest payments.”
A questo proposito è doveroso precisare che:

  1. Nelle winter forecast della Commissione, il saldo strutturale migliora di 0,3 pp. passando da -0,9 a -0,6. Tale sforzo strutturale è riportato anche nella nota per l’Eurogruppo “Follow-up to the Commission opinion on the 2015 DBP” predisposta dalla Commissione;
  2. Nello statement di dicembre, l’Eurogruppo non chiedeva misure aggiuntive. Infatti la Commissione chiedeva “effective measures” e non misure aggiuntive, cioè una adeguata attuazione delle misure che avrebbero prodotto – secondo la stima italiana – una correzione di 0,3 pp. La Commissione riteneva che senza una adeguata attuazione la correzione sarebbe stata inferiore alla stima italiana, limitandosi a 0,1 pp. La discussione dell’Eurogruppo di dicembre era inoltre tutta incentrata sulla realizzazione del piano di riforme presentato dall’Italia come contributo fondamentale alla sostenibilità dei conti pubblici e non all’adozione di una manovra di bilancio.
  3. In sede di valutazione definitiva, la Commissione ha riconosciuto che le misure messe in campo erano adeguate a produrre la correzione di bilancio stimata dall’Italia e ha quindi rivisto i propri giudizi di finanza pubblica, portando da 0,1 a 0,3% la stima di sforzo strutturale prodotta dalla Legge di Stabilità 2015. Si tratta di un valore in regola con i requisiti fissati dalla Commissione stessa nella Comunicazione sulla flessibilità, non ancora pubblicata all’epoca dello statement di dicembre.
  4. L’opinione secondo cui la correzione strutturale sarebbe una mera “reflection of reduced interest payments” è quanto meno parziale. La correzione della stima del Pil potenziale da parte della Commissione per tener conto della nuova serie pubblicata dall’ISTAT della popolazione attiva utilizzata per il calcolo dell’Output gap ha anche fatto emergere meglio il reale sforzo fiscale così come un migliore apprezzamento delle misure contenute nella Legge di Stabilità 2015.
     

Esplora