Ti trovi in:

Una mostra e una moneta per ricordare i 100 anni della Grande Guerra

Domenica 24 maggio 2015 ricorrono i 100 anni dall'ingresso dell’Italia nel primo conflitto mondiale. Per questo dal 25 maggio al 30 dicembre 2015 la Biblioteca storica del MEF ricorda l’anniversario con l’esposizione "1915 –1918 l'Italia nella Grande Guerra". Libri in mostra nel centenario della Prima Guerra Mondiale. La Mostra, inserita nel Programma di iniziative per la memoria e la conoscenza della Grande Guerra della Presidenza del Consiglio dei Ministri, vuole essere una testimonianza di una pagina di storia vissuta da almeno due generazioni che soffrirono dei lutti e delle tragedie portate dal conflitto.

Gli eventi illustrati ripercorrono le vicende nazionali a partire dall’entrata in guerra dell’Italia fino alla stipula dei trattati di pace, attraversando i principali campi di battaglia sul fronte italiano, per dedicare poi spazio agli aspetti economici della guerra e del dopoguerra. In mostra ci sono circa 150 libri d'epoca che comprendono tra i testi di ricostruzione storiografica, analisi economica, memorialistica, documentazione militare, il dibattito intellettuale e artistico, anche le opere di Antonio Salandra, Benedetto Croce, Gabriele D'Annunzio, Luigi Cadorna, Francesco Nitti, John Maynard Keynes.

Un percorso tra storia e memoria anche visivo: nelle sale della Biblioteca vengono proiettati i disegni del pittore Pietro Morando, raccolti nel libro "I giganti" e sono riprodotte le fotografie più significative tra quelle contenute in alcuni dei volumi in esposizione.

Nelle sale espositive è prevista anche la diffusione di brani musicali ed arie tipiche del periodo della Grande Guerra.
La Mostra è aperta al pubblico dal lunedì al giovedì dalle 9:00 alle 17:30 su prenotazione scrivendo a: biblioteca.storica@tesoro.it.

Il primo grande conflitto del XX secolo, che coinvolse 28 nazioni, viene ricordato anche con l’emissione di una moneta dedicata al Centenario. E’ stata coniata in 5.000 pezzi d’argento per recuperare la memoria storica e promuovere la pace.
La moneta d’argento sul dritto riporta un busto frontale rappresentativo dell’Italia, il capo cinto da benda e stella a cinque punte, l’espressione mesta: opera ispirata alla Vittoria Alata dello scultore Cesare Busnelli realizzata per il Monumento ai Caduti di Meda. Sul rovescio è riprodotto il gruppo scultoreo Il Sacrificio realizzato da Leonardo Bistolfi (1859-1933) per il monumento a Vittorio Emanuele II in Roma, raffigurante un eroe morente che, sorretto da un uomo in catene reso libero dal suo sacrificio, riceve un bacio da una figura femminile, personificazione di Libertà e Famiglia.

La moneta, con corso legale dal 5 maggio, è acquistabile online nella sezione e-commerce del sito dell’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato.

Moneta Moneta

  Click sulle immagini per ingrandirle

Approfondimenti:

La mostra sul sito del Centenario
La moneta nel catalogo IPZS

Elenco dei Tag. Di seguito sono elencate le parole chiave associate ai contenuti di questa pagina. Selezionando il TAG potrai individuare facilmente altre pagine o argomenti correlati.

Esplora