Ti trovi in:

Entrate tributarie: indicazioni positive dai primi cinque mesi

Roma, 06 luglio 2015 - Il Dipartimento delle Finanze del Ministero dell’Economia ha diffuso oggi i dati relativi alle entrate tributarie nei primi cinque mesi dell’anno (quelli che comprendono anche le entrate contributive saranno disponibili nel rapporto diffuso il 15 del mese). I dati forniscono alcune indicazioni sull’andamento dell’economia e sulle misure assunte dal Governo.
Innanzitutto un dato positivo nel suo insieme: tra gennaio e maggio 2015 le entrate aumentano dello 0,9% rispetto agli stessi mesi dell’anno precedente, un elemento coerente con altri segnali di miglioramento dell’economia italiana. Soprattutto si tratta di una conferma, insieme agli aggiornamenti sul fabbisogno, dello stato di salute delle finanze pubbliche del Paese.
Per quanto riguarda le misure adottate dal Governo in carica, fa registrare un buon risultato l’applicazione del meccanismo dello split payment (in base al quale le Pubbliche Amministrazioni versano direttamente all’erario l’Iva addebitata loro dai fornitori) mentre produce l’effetto atteso lo spostamento del carico fiscale dal lavoro (grazie al bonus degli 80 euro che interviene tramite un alleggerimento dell’Irpef e alle misure di riduzione del prelievo Irap) alle rendite (aumento della tassazione sugli interessi e i redditi da capitale).
Anche la lotta all’evasione continua a fare registrare risultati in crescita: nel periodo sono registrate in aumento del 3,7% le entrate da attività di accertamento e controllo.

Elenco dei Tag. Di seguito sono elencate le parole chiave associate ai contenuti di questa pagina. Selezionando il TAG potrai individuare facilmente altre pagine o argomenti correlati.

Esplora