Ti trovi in:

Impegno di governo e OCSE per migliorare competenze e qualità del lavoro
Workshop al Mef

Roma, 21 luglio 2016 - Una strategia nazionale per accrescere le competenze, migliorare la produttività e quindi la crescita economica e i processi innovativi del Paese e per sostenere il buon funzionamento del mercato del lavoro. Questi gli obiettivi del programma avviato dal Governo in collaborazione con l’Ocse e per il quale si è tenuto un workshop di due giorni, conclusosi oggi, presso la sede del Ministero dell’Economia e delle Finanze. 

Il programma della ‘National Skill Strategy’  è stato lanciato in diversi Paesi Ocse, tra cui Norvegia, Spagna, Portogallo, Paesi Bassi, ed è supportato dalla Commissione Europea. In Italia è stato costituito un gruppo interministeriale per coordinare il progetto insieme all’Ocse a cui partecipano il Ministero dell’Economia e delle Finanze, il Ministero del lavoro e delle Politiche Sociali, il Ministero dello Sviluppo Economico, il Ministero dell’Istruzione, Ricerca e Università, la Presidenza del Consiglio.

Al workshop del 20 e 21 luglio sono intervenuti il sottosegretario all’Economia e alle Finanze, Paola De Micheli, il sottosegretario all’Istruzione, Angela D’Onghia, il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, Claudio De Vincenti. La Commissione Europea è stata rappresentata dal Direttore generale per l’Educazione e la Cultura, Michael Teutsch, mentre per l’OCSE sono intervenuti il Direttore per l’occupazione, il lavoro e gli affari sociali, Stefano Scarpetta, e la responsabile del team per la National Skills Strategies, Joanne Caddy.

All’iniziativa  sono stati chiamati a partecipare anche gli stakeholders coinvolti nelle tematiche del progetto: associazioni di categoria, sindacati, imprenditori, università, rappresentanti della società civile che si occupano di pari opportunità e inclusione. Il loro fattivo inserimento nel progetto è ritenuto essenziale per la realizzazione concreta delle decisioni future.

Accrescere le competenze e la formazione del capitale umano – questo il messaggio emerso dal workshop - è un passaggio indispensabile per aumentare la produttività e con essa la crescita del Pil e il benessere del Paese. A questo primo step, necessario ad individuare punti di forza e debolezza del sistema in Italia e a raccogliere valutazioni e proposte degli stakeholders, seguiranno ulteriori appuntamenti per definire diagnosi e strategia operativa. Sarà un processo che porterà risultati nel medio periodo ma da cui non si può prescindere per migliorare, oltre alla produttività, anche i livelli occupazioni e la qualità del lavoro.

Foto

Per saperne di più

 
Elenco dei Tag. Di seguito sono elencate le parole chiave associate ai contenuti di questa pagina. Selezionando il TAG potrai individuare facilmente altre pagine o argomenti correlati.

Esplora