Ti trovi in:

Economia in solida ripresa, occupazione in aumento, conti pubblici in ordine: i dati Istat del 2017

L’Istat ha pubblicato oggi i dati su Prodotto interno lordo, indebitamento netto e saldo primario delle Amministrazioni pubbliche per l’anno 2017. Tutte le grandezze relative allo stato dell’economia reale e alla finanza pubblica confermano le stime prodotte dal Ministero dell’Economia e delle Finanze con la Nota di Aggiornamento al Documento di Economia e Finanza, e in alcuni casi risultano anche migliori di queste.

I dati combinati dell’economia reale e dei conti pubblici attestano che le politiche economiche contraddistinte dalla metafora del “sentiero stretto” stanno perseguendo con successo tanto il risanamento delle finanze pubbliche (meno deficit e meno debito in rapporto al PIL) quanto il sostegno alla crescita.

Su questo aspetto in particolare è possibile osservare che nel 2017 la crescita dell’economia sul 2016 pari all’1,5% ha raggiunto un ritmo simile a quello registrato prima della crisi, sebbene inferiore a quello delle altre economie europee a causa dei vincoli imposti al bilancio pubblico dal livello del debito. Il buon andamento dell’economia reale è testimoniato – oltre che dai dati della produzione industriale, dell’export e di altre grandezze analoghe – anche dai dati sull’occupazione diffusi oggi dall’Istat. Questi ultimi mostrano che in gennaio vi erano circa 196 mila occupati in più in confronto allo stesso mese del 2017 e 25 mila in più rispetto a dicembre. In gennaio il tasso di disoccupazione è risultato più elevato che in dicembre, 11,1% contro 10,9%, ma ciò riflette l’accidentalità dei dati mensili ed una maggiore partecipazione al mercato del lavoro. In ogni caso, il tasso di disoccupazione di gennaio va confrontato con l’11,7% del gennaio 2017, nei confronti del quale segna un ribasso di 0,6 punti percentuali. Va anche sottolineato che in gennaio il tasso di occupazione al 58,1% (già toccato nei mesi scorsi) si attesta ai livelli massimi dal dicembre 2008 (58,2%), il numero di occupati pari a 23,066 milioni è ai livelli massimi dalla primavera del 2008 (23,203 milioni ad aprile di 10 anni fa), il numero di lavoratori dipendenti ha raggiunto 17,798 milioni - il livello massimo da sempre (il record precedente si era registrato ad agosto 2008 con 17,303 milioni).

Per quanto riguarda la composizione dell’occupazione, è possibile notare che l’incremento dei lavoratori dipendenti nel 2017 è stato conseguito sostanzialmente attraverso l’incremento nel numero di rapporti a tempo determinato, che ha raggiunto il 16,4% del lavoro subordinato. Tuttavia una lettura completa del quadro occupazione deve includere le dinamiche del lavoro autonomo, che spesso negli anni della crisi hanno nascosto forme di precariato: il rapporto tra lavoratori indipendenti e lavoratori dipendenti a gennaio 2018 è pari al 29,6%. Si tratta del minimo storico, circa 10 punti percentuali in meno rispetto all’inizio delle serie storiche diffuse oggi dall’Istat (a gennaio 2004 il rapporto tra indipendenti e dipendenti era pari al 39%). Questa trasformazione dal lavoro indipendente al lavoro subordinato indicherebbe la presenza di un processo di progressiva emersione di lavoro precario in forme più regolari, sebbene a tempo determinato. Guardando alla variabile di genere si rileva anche che il tasso di occupazione femminile ha raggiunto il record assoluto di 49,3% mentre il tasso di inattività è sceso al 43,7%, livello minimo da sempre.

Per quanto riguarda i conti pubblici, il rapporto tra deficit e PIL è sceso all’1,9% (da inizio secolo era sceso al di sotto del 2% soltanto nel 2007), il rapporto tra debito e PIL è sceso al 131,5%, il livello del 2015 (quando scendeva per la prima volta dopo sette anni consecutivi di incrementi che hanno portato il livello sul PIL dal 99,8 al 131,8%). Inoltre la pressione fiscale è scesa dal 43,3% del 2014 al 42,4% (41,9% se si classifica il bonus “80 euro” come riduzione IRPEF anziché spesa sociale).

"I dati economici diffusi oggi dall’Istat sono molto positivi e certificano i risultati del buon governo della legislatura che si è conclusa. Lasciamo al prossimo Parlamento un’economia in condizioni migliori di quelle in cui l’abbiamo trovata. In questi cinque anni l’Italia si è rimessa in moto, è uscita dalla profonda recessione e si è avviata lungo un percorso di crescita duratura’’. Il Ministro dell’Economia, Pier Carlo Padoan, commenta così il report diffuso oggi dall’Istituto Nazionale di Statistica e sottolinea che ‘’questo cammino, frutto delle politiche del governo e dell’impegno di imprenditori e lavoratori che hanno riacquistato fiducia, deve proseguire e rafforzarsi. I presupposti ci sono tutti se si continuerà nella strategia fin qui adottata".

Elenco dei Tag. Di seguito sono elencate le parole chiave associate ai contenuti di questa pagina. Selezionando il TAG potrai individuare facilmente altre pagine o argomenti correlati.

Esplora