Ti trovi in:

Ministero dell'economia e delle finanzedichiarazione dei ministri delle finanze e dei governatori delle banche centrali

Comunicato Stampa del Wed Dec 24 09:00:00 CET 1997

Roma, 24 dicembre 1997

DICHIARAZIONE DEI MINISTRI DELLE FINANZE E DEI GOVERNATORI DELLE BANCHE CENTRALI DEI POTENZIALI PAESI PARTECIPANTI AL PACCHETTO D'AIUTI FINANZIARI SUPPLEMENTARI PER LA COREA

Il Ministero del Tesoro, del Bilancio e della Programmazione Economica, a seguito dell'accordo raggiunto oggi tra i Paesi partecipanti al programma di aiuti in favore della Corea del Sud, diffonde il testo della

"Dichiarazione dei Ministri delle Finanze e dei Governatori delle Banche Centrali dei potenziali Paesi partecipanti al pacchetto di aiuti finanziari supplementari per la Corea".

"Esprimiamo apprezzamento per l'annuncio da parte delle autorità coreane di misure aggiuntive per rafforzare la politica macroeconomica e accelerare le riforme strutturali, in particolare nel settore finanziario. Il rafforzamento del programma di misure prioritarie di politica economica e di riforme è un passo importante che contribuirà al ripristino della stabilità finanziaria e al ritorno della crescita.

Apprezziamo inoltre le decisioni della Banca Mondiale e della Banca Asiatica di Sviluppo di erogare complessivamente 5 miliardi di dollari questa settimana per sostenere un programma di riforme strutturali e di ristrutturazione del settore finanziario.

A sostegno del programma rafforzato di politica economica della Corea e nel contesto di un allungamento significativo su base volontaria delle scadenze dei crediti esistenti da parte delle banche internazionali creditrici nei confronti delle istituzioni finanziarie coreane e di progressi adeguati della Corea nell'accesso a nuovi finanziamenti sui mercati internazionali, saremmo pronti a sostenere un'azione diretta ad anticipare all'inizio di gennaio gli impegni esistenti di aiuti finanziari pubblici, compresa l'accelerazione degli esborsi del fondo Monetario Internazionale e l'erogazione di una parte rilevante, un terzo (8 miliardi di dollari) dell'impegno finanziario aggiuntivo assunto da Austria, Belgio, Canada, Francia, Germania, Italia, Giappone, Olanda, Nuova Zelanda, Svezia, Svizzera, Regno Unito e Stati Uniti.

In tale contesto, con gli altri partecipanti a questo programma, abbiamo concordato una serie di condizioni operative per l'erogazione di finanziamenti supplementari alle autorità coreane. In base a questo approccio comune, la disponibilità di questi fondi aggiuntivi sarà condizionata ad una cogente e coerente attuazione delle politiche economiche concordate dalle autorità coreane nell'ambito dei programmi sostenuti dal F.M.I., dalla Banca Mondiale e dalla Banca Asiatica di Sviluppo e ad altre misure aggiuntive che si rendessero necessarie; tali finanziamenti comporteranno inoltre appropriati tassi di interesse di mercato e saranno resi disponibili nella forma di strumenti a breve termine rinnovabili.

La Comunità finanziaria internazionale ha grande interesse al successo degli sforzi della Corea per ristabilire la stabilità economica e finanziaria. Il successo del programma dipende da un continuo e sostenuto impegno delle autorità coreane nelle riforme, da un sostegno finanziario appropriato da parte del settore pubblico come sopra descritto, condizionato all'adozione di forti politiche economiche, necessarie a ristabilire la fiducia, e da sforzi coronati da successo delle autorità coreane per assicurare finanziamenti a più lungo termine da parte di creditori privati e dei mercati finanziari internazionali.

Wed Dec 24 09:00:00 CET 1997

Ricerca

Esplora